DESCRIZIONE DELLE PRATICHE

ASHTANGA VINYASA YOGA - è un metodo chiamato spesso “dinamico” che è caratterizzato dal sistema del Vinyasa, ovvero dalla sincronizzazione del respiro con i movimenti del corpo, in una sequenza progressiva di posture.

Le posture (asana) + la respirazione (unita all’utilizzo di uddiyana e mula bandha, in altre parole le sottili chiusure muscolari)       + la focalizzazione dello sguardo (drishti)  formano i tre aspetti fondamentali di questa disciplina e vengono identificati come Tristhana.

Una pratica corretta, quotidiana della sequenza dell’Ashtanga Vinyasa Yoga aiuta a mantenersi in uno stato di buona salute. Praticando si sviluppa gradualmente la disciplina, forza, resistenza, controllo e anche la flessibilità e fluidità. Il respiro ed il movimento porta all’eliminazione delle tossine attraverso la sudorazione, favorendo la purificazione dell’organismo a livello molto profondo. 

Con una pratica costante dello yoga in generale anche le varie patologie a carico del sistema muscolo-scheletrico, spesso dovute a difetti posturali, possono trarre giovamento.

Nel tempo, il praticante migliora la capacità di concentrazione, la mente diviene più lucida e calma, si riducono gli stati di ansia e stress favorendo lo sviluppo del proprio benessere interiore. Quando ogni parte di noi è allineata e ben ossigenata, la nostra energia vitale può fluire liberamente e possano accadere il processi di guarigione profonda, possiamo provare un senso di calma e pace.

Approfondendo la nostra attenzione sul respiro e movimento possiamo con il tempo trasformare la nostra pratica fisica nella meditazione in movimento.

 

YIN YOGA - è una pratica adatta veramente per tutti. È caratterizzato da un approccio gentile combinato con un ritmo lento, che richiede davvero poco impegno muscolare, a differenza di altri stili di Yoga, e che aiuta a sviluppare il rilassamento fisico e l'introspezione. Durante questa pratica, l'allungamento a lunga tenuta viene applicato passivamente.

Le posture mantenute possono durare fino a 5 minuti o più.

Lo Yin Yoga offre sette pose archetipiche e una moltitudine di variazioni. La vera sfida di questo approccio allo Yoga risiede nella capacità di rimanere fermi e di mantenere la qualità dell'introspezione per accedere alla calma interiore. Questo metodo ti permette di trovare un elevato livello di concentrazione, coltivando la resa e il lasciar andare, imparando a rallentare e smettere di identificarti con i flussi di pensieri ed emozioni, coltivando uno stato di rilassamento più profondo.

Le pratiche di Yin Yoga possono essere influenzate con il lavoro sui meridiani di Medicina Tradizionale Cinese, lavoro sulla fascia e Mindfulness.

 

YOGA SLOW FLOW - La personalizzazione delle pratiche di yoga nel tempo ha dato origine a diverse scuole e stili di yoga ed è cosi che ad oggi possiamo trovare diversi tipi della pratica, e le sue diverse interpretazioni da parte degli insegnati.

In una tipica lezione di Yoga Slow Flow si fanno spesso le sequenze a tema con meno posture rispetto ad una classe vigorosa di vinyasa. Il ritmo di Slow Flow è appunto più lento e ci si muove enfatizzando ancor di più la fluidità, la pace e la calma, generando la gentilezza nel corpo e nella mente. Asana (posture) possono essere mantenute nella sequenza più a lungo, con diversi giri di respiro in ogni postura, invece di passare ad ogni respiro da una posizione all’altra.

Si può definire le pratiche di tipo Slow Flow come una via di mezzo fra le pratiche caratterizzate dal certo dinamismo come Ashtanga Vinyasa Yoga, Vinyasa Flow (anche se pure queste possono sono sempre insegnate nell’una maniera salutare e sostenibile a tutti) e lo Yin Yoga o Hatha Yoga tradizionale. Questo ovviamente rende Slow Flow molto accessibile e può persino sembrare più facile, ma non è limitato ai soli principianti o a chi ha magari alcune limitazioni fisiche. Tutti i livelli di praticanti di Yoga possono trovare i benefici mentre si muovono con il respiro, lentamente e consapevolmente attraverso una serie di asana, tutti possono giovare di queste pratiche.

OCCORENTE PER LA PRATICA DI YOGA:
* tappetino da yoga antiscivolo personale (per yin yoga va bene anche una coperta o trapunta) 

* a volte possono servire i blocchi da yoga, yoga strap, o anche le palline da tennis (dipende dal corso che segui)
* stola o una copertina calda per il rilassamento finale sopratutto nei mesi freddi 

* cuscino per la meditazione
* abiti comodi, naturali, meglio se aderenti al corpo, ma non stretti

DISCLAIMER 
La pratica di yoga è generalmente adatta a tutti, va però eseguita sempre con il rispettando le proprie capacità fisiche e per il proprio corpo. Come sopra descritto esistono le pratiche differenti, piu statiche o piu dinamiche. Nel tuo stesso interesse consulta il tuo Medico di fiducia e chiedi il suo parere per accettarsi che non ci siano controindicazioni per tua salute prima di partecipare alla sessione di yoga.

Immagini sono state registrate nelle diverse occasioni negli ultimi anni, presso diverse strutture e luoghi. Vogliono far conoscere varie situazioni e le pratiche di yoga.

 

Grazie a tutti partecipanti.

Click'a sul immagine per ingrandire.